Infertilità: quando ricorrere all’ovodonazione

Home
  ›  
Notizie
  ›  
Infertilità: quando ricorrere all’ovodonazione
You are here:

Infertilità: quando ricorrere all’ovodonazione

Nei casi d’infertilità femminile, spesso l’ultimo passaggio per diventare mamma è quello di ricorrere all’ovodonazione (donazione degli ovociti) , almeno per una donna su cinque. Ma il rivolgersi ad ovuli donati (ovodonazione) da altre donne e fecondati con il seme del proprio partner non è sempre semplice e automatico.

In quali casi avviare il percorso? “Situazioni di esaurimento della funzione ovarica, di menopausa precoce fisiologica oppure di menopausa chirurgica, ovvero indotta dall’asportazione parziale o totale delle ovaie per gravi patologie – spiega Cesare Taccani. Anche nei casi di fallimenti ripetuti con le tecniche di procreazione assistita e nelle donne affette da endometriosi avanzata”. Non certo ultimo, “nei casi in cui la donna sia affetta da malattie genetiche trasmissibili alla prole, è bene che si faccia un riflessione sull’opportunità o meno di affrontare un percorso con l’ovodonazione (donazione degli ovociti) per evitare il rischio che i figli possano essere affetti della stessa malattia ” (o diagnosi preimpianto PGD o ARRAY CGH,) . In quest’ottica, aggiunge lo specialista “occorre tenere presente che oltre i 40 anni, aumentano le possibilità di alterazioni cromosomiche negli embrioni: questo può dare origine non solamente a problemi nel portare a termine la gravidanza, ma anche a generare figli con gravi malattie (per questo motivo consigliamo la diagnosi reimpianto PGD o ARRAY CGH)”.





La source: http://www.piusanipiubelli.it/infertilita-quando-ricorrere-all-ovodonazione.htm

Contatta ci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono

Paese

Il tuo messaggio

Inserire il codice qui sotto:
captcha


Copyright © 2017 All Rights Reserved. Powered by OpenIT