Gravidanza: i rimedi contro i bruciori di stomaco e il reflusso

Home
  ›  
Notizie
  ›  
Gravidanza: i rimedi contro i bruciori di stomaco e il reflusso
You are here:

Gravidanza: i rimedi contro i bruciori di stomaco e il reflusso

Soprattutto durante gli ultimi mesi della gravidanza, è facile soffrire di bruciori di stomaco(sia nei casi di concepimento in modo naturale che con fecondazione assistita, inseminazione, FIVET,fivet-isci, ovodonazione,embriodonazione). Per combatterli è bene osservare alcune semplici regole

Bruciori di stomaco e reflusso gastroesofageo sono disturbi abbastanza comuni in gravidanza, soprattutto nell’ultimo trimestre(sia nei casi di concepimento in modo naturale che con fecondazione assistita, inseminazione, FIVET,fivet-isci, ovodonazione,embriodonazione).

Dipendono dall’azione degli ormoni, che rendono più rilassata la muscolatura dello stomaco, e dall’ingrossamento dell’utero, che finisce con il comprimere l’apparato digerente, dando origine a rigurgiti acidi e a un rallentamento della digestione.

Sì allo zenzero

In gravidanza, per combattere i bruciori di stomaco è consigliabile scegliere rimedi naturali, come lo zenzero, che aiuta ad attenuare acidità e nausea. Per esempio, si possono consumare biscotti, te, infusi o tisane a base di questa sostanza.

Mangiare poco ma spesso

È fondamentale anche fare attenzione al tipo di alimentazione. I pasti devono essere poco abbondanti, ma frequenti nell’arco della giornata, perché i bruciori di stomaco peggiorano se si resta a digiuno troppo a lungo o se il livello di zuccheri nel sangue è troppo basso. È importante, poi, non mangiare in fretta e masticare bene ogni boccone: la prima digestione, infatti, avviene in bocca.

No ai fritti

Alimenti utili in gravidanza per evitare problemi di stomaco, da mangiare anche la mattina appena sveglie, sono i cracker e le fette biscottate, che assorbono gli eventuali succhi gastrici in eccesso, tamponando l’acidità. Da evitare, invece, le ricette particolarmente elaborate, i fritti, i cibi speziati, il caffè e l’alcol.

Non cenare troppo tardi

Non sdraiarsi subito dopo aver mangiato, altrimenti si ostacola il processo di digestione. L’ideale sarebbe aspettare almeno due-tre ore. Se si è abituate a cenare tardi o ad andare a letto presto, sarebbe meglio anticipare l’orario della cena.




http://www.bimbisaniebelli.it/

Contatta ci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono

Paese

Il tuo messaggio

Inserire il codice qui sotto:
captcha


Copyright © 2016 All Rights Reserved. Powered by Open It