Difficoltà di rimanere incinta? Quali sono le cause principali.

Home
  ›  
Notizie
  ›  
Difficoltà di rimanere incinta? Quali sono le cause principali.
You are here:

Difficoltà di rimanere incinta? Quali sono le cause principali.

Cause come infertilità, sterilità maschile, ovaio policistico e fattori psicologici sono tra quelli principali che creano delle difficoltà per concepire.
Più in avanti analizzeremo delle ragioni e suggeriremo metodi e soluzioni per risolvere il problema.

Una volta accertata la condizione dobbiamo indagare sulle cause, nella questione più semplice bisognerebbe solo e semplicemente rispettare i tempi. Cioè se si è donne giovani, con del ciclo mestruale regolare ed avendo rapporti sessuali durante i giorni più fertili, cioè tra 4° e 15° giorno di ogni ciclo si calcola che si ha una probabilità su quattro o su sei di rimanere incinta cioè da 15 a 20% in tal caso è solo questione di provare e di riprovare.

Se si sospetta che ci sia qualche problema d’infertilità più serio o se si ha più di trentotto anni allora, è opportuno il controllo ginecologico e andrologico per accertarsi delle proprie condizioni.

In caso che il controllo ginecologico rivela qualche infezione essa, potrebbe compromettere i tentativi di rimanere incinta. Dobbiamo tener conto che alcune infestazioni infezioni non sono facili da rilevare poiché hanno sintomi molto leggeri i quali si trascurano. Il batterio più difficile da individuare e senza dubbio la chlamydia, si trasmette tramite rapporti sessuali non protetti e spesso non si riscontrano sintomi. Questo batterio può provocare un’infezione nelle tube di Falloppio che potrebbe ostruirgli o perfino danneggiarle, soprattutto se l’infezione ci sia da qualche tempo.

Il rimedio più efficace si dimostra sempre la periodica visita ginecologica che potrebbe individuare la condizione in tempo e prescrivendo una semplice cura farmaceutica in base di antibiotici affrontarla. Se invece l’infezione è attiva da qualche tempo e ha provocato un’ostruzione nelle tube di Falloppio l’unica soluzione allora è l’operazione. In seguito per diventare madre bisogna ricorrere alla fecondazione assistita.

La funzione non ottimale delle ovaie
Le ovaie servono per produrre gli ovuli . esistono due cause principali che compromettono il loro corretto funzionamento insufficienza ormonale e la presenza di cisti.
Un gran numero di ormoni (come LH ormone luteinizzante-, FSH -ormone follicolo-stimolante-, progesterone, estrogeni e altri) influiscono nel corretto funzionamento delle ovaie, lo squilibrio su una di quelle potrebbe compromettere la fase di ovulazione. Tramite il dosaggio ormonale potrebbe individuarsi un tale squilibrio mentre il rimedio sta nell’assunzione dei farmaci per un tempo prestabilito così da ripristinare la regolarità ormonale.

Le cisti nelle ovaie di solito si individuano tramite un’ecografia pelvica, la presenza di cisti non è sempre fattore compromettente al concepimento, comunque è sempre utile monitorare la posizione ed eventuali cambiamenti e in caso che si dimostrano ostacolanti, possono essere asportate con una semplice operazione.

Non corretta funzione dell’utero
L’utero si ricopre di una mucosa- l’endometrio- in quale l’embrione va ad attecchire e in seguito svilupparsi, a volte si può verificare la presenza di un mioma, fibroma,polipo nell’utero la quale impedisce l’annidamento o anche l’endometriosi può intralciare la fecondazione o qualche malformazione dell’utero stesso può impedire la preservazione dell’ovulo fecondato.

La rilevazione delle cause possono essere verificate tramite l’isteroscopia, un’operazione chirurgica di carattere diagnostico che pur prevedendo l’anestesia si considera leggera. Come terapia si possono prescrivere dei farmaci se il problema non è grave la ciste, si può riassorbire cosi come una endometriosi superficiale. L’intervento chirurgico si ritiene opportuno in finalità di procreazione il rapporto con un ciclo di fecondazione assistita.

Il problema dell’infertilità maschile è una condizione che non si deve trascurare soprattutto se esclusa ogni condizione ginecologica. in tal caso si rivela opportuno l’esame di spermiogramma per accertarsi della qualità degli spermatozoi. Se lo sperma si rivela debole, allora si deve ricorrere alla FIVET in finalità di essere incinta.

Contatta ci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono

Paese

Il tuo messaggio

Inserire il codice qui sotto:
captcha


Copyright © 2017 All Rights Reserved. Powered by OpenIT